Ultime della Notte di Petros Markaris

Ultime della Notte di Petros Markaris

- in Libri e Recensioni
159
0
Petros Markaris

Un nuovo commissario nella letteratura giallista: Kostas Charitos

Un nuovo commissario rende avvincenti le storie di genere poliziesco. Questa volta non siamo più nella patria dei grandi detective americani, né tantomeno in Italia, neanche in Spagna. Ci troviamo in Grecia, precisamente ad Atene dove il commissario Kostas Charitos indaga. Della Grecia del romanzo non c’è nulla o quasi di quello che sta vivendo attualmente la nazione greca con la crisi economica, e ciò che leggiamo tra le dichiarazioni dei vari ministri dell’economia greci, può tranquillamente essere preso come spunto per una commedia. Altro discorso però è parlare del personaggio di questo libro creato da Petros Markaris, definito dalla critica internazionale “il fratello greco” di Maigret. Strano personaggio questo commissario che invece di leggere quotidiani o fare cruciverba, legge dizionari per aiutarsi a sognare. Trova i significati delle parole e le associa alle situazioni vissute o passate della sua vita. Rimpiange ogni volta che può i kulùri, ovvero le ciambelle di pane al sesamo, che mangiava prima che la cosa venisse definitivamente sostituita dagli odiosi croissant. Vive ad Atene e ricopre il ruolo di commissario della polizia. Odia i giornalisti e soprattutto la più in gamba in circolazione, Ghianna Karaghiorghi, che si prende sempre gioco di lui ad ogni conferenza stampa. La famiglia di Kostas è simile a tante altre. Anzi, forse è proprio uguale a quelle reali di tutte le nazioni del mondo. Simili sono anche le noie e le inquietudini della sua famiglia, delle solitudini e dei silenzi di coppia. La moglie Adriana, trova nella tv l’unica consolazione e siccome sente il peso della solitudine, ogni volta che Kostas ritorna a casa, non perde tempo a sfogarsi con lui. La figlia se ne è andata di casa e studia all’università. Quanto più sono reali quando le storie sono “vissute” e scritte in Europa. Quanta umanità e fedeltà al vero c’è nei commissari greci e italiani e quanta “fiction”, invece, nei detectives americani? La domanda è d’obbligo perché al di là della vita professionale del personaggio, che è unica e certamente dissimile da quella delle persone, quella reale trova tante similitudini con quella di ognuno di noi.  Nel primo romanzo in cui Kostas prende vita, si indaga sulla morte di una coppia di albanesi e tutto sembra presagire un classico delitto passionale. Poi nel bel mezzo della notte, quando il commissario ha posato sul comodino il Lindell-Scott, squilla il telefono e la bella giornalista,  Ghianna Karaghiorghi , che non ha avuto buoni rapporti professionali con il commissario, è stata uccisa e da lì si apre il caso in un susseguirsi di situazioni in cui prevalgono più le intuizioni e i pensieri dell’uomo-commissario, piuttosto che i colpi di scena e i coupe de theatre.  Ultime della notte è stato pubblicato nel 1995 in Grecia e nel 2000 in Italia dalla casa editrice Bompiani.

Giallo greco con Petros Markaris

Facebook Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

31 canzoni

Nick Hornby ha scritto un libro d’amore per